Negozi Storici di Eccellenza

Percorso 4

Da Piazza Colonna a Piazza dei Caprettari

Piazza Colonna è la partenza del percorso che ci introduce nella zona del Pantheon. Il nome della piazza deriva dalla presenza al centro della colonna di Marco Aurelio. Sulla Piazza si affaccia Palazzo Chigi, sede del Governo Italiano, fatto costruire nel ‘500 da Pietro Aldobrandini. Alla sinistra di questo, sul lato ovest si trova Palazzo Wedekind, storica sede del quotidiano Il Tempo, che presenta un porticato formato da antichissime colonne ioniche originarie della città etrusca di Veio. Proseguendo si trova Piazza Montecitorio, nota per ospitare lungo il lato nord, su un piccolo rilievo, il Palazzo Montecitorio sede della Camera dei Deputati e della Repubblica Italiana.
L'imponente edificio, progettato da Gian Lorenzo Bernini, su commissione di papa Innocenzo X, fu terminato dall’architetto Carlo Fontana. Al centro della piazza si erge l’obelisco di Psammetico II proveniente dalla città egiziana di Eliopoli, portato a Roma nel 10 a.C. dall’imperatore Augusto.

Percorso 4

 

Piazza Colonna è la partenza del percorso che ci introduce nella zona del Pantheon. Il nome della piazza deriva dalla presenza al centro della colonna di Marco Aurelio. Sulla Piazza si affaccia Palazzo Chigi, sede del Governo Italiano, fatto costruire nel ‘500 da Pietro Aldobrandini. Alla sinistra di questo, sul lato ovest si trova Palazzo Wedekind, storica sede del quotidiano Il Tempo, che presenta un porticato formato da antichissime colonne ioniche originarie della città etrusca di Veio. Proseguendo si trova Piazza Montecitorio, nota per ospitare lungo il lato nord, su un piccolo rilievo, il Palazzo Montecitorio sede della Camera dei Deputati e della Repubblica Italiana.
L'imponente edificio, progettato da Gian Lorenzo Bernini, su commissione di papa Innocenzo X, fu terminato dall’architetto Carlo Fontana. Al centro della piazza si erge l’obelisco di Psammetico II proveniente dalla città egiziana di Eliopoli, portato a Roma nel 10 a.C. dall’imperatore Augusto.

Tornando in Piazza Colonna e percorrendo Via Colonna Antonina si incontra Caleffi.
L’attività commerciale di abbigliamento inizia a Roma verso la fine dell’Ottocento con Enrico Caleffi. Fu la ditta Caleffi ad inventare un tipo speciale di collo da camicia molto alto e con due bottoni, detto poi “alla Gastone”, in quanto ispirato al celebre personaggio del versatile Petrolini.
Oggi il negozio è guidato dalla terza generazione dei Caleffi che perseguono l’obiettivo di perpetuare lo spirito di severa eleganza che lo contraddistingue. Gli abiti sono di ottima fattura e confezionati con i migliori tessuti. La maglieria italiana ed estera è scelta tra le migliori marche. Le cravatte sono di fattura artigianale. La tradizione continua con successo.

Nelle vicinanze si trova Piazza di Pietra, chiamata così per la presenza dei resti di un antico tempio dedicato all’imperatore Adriano, e Piazza Sant’Ignazio, una delle più importanti opere del Rococò romano. Quest’ultima costituisce, con la sua forma che ricorda un teatro, uno dei luoghi più scenografici della città. Su Piazza Sant’Ignazio si affaccia l’omonima Chiesa costruita nel 1626 su progetto di Maderno. La Chiesa ha un grandioso e decoratissimo interno, le cui opere più interessanti sono dovute ad A. Pozzo, genio della prospettiva e del "trompe l'oeil".

Continuando a camminare lungo Via Colonna Antonina si scorge Piazza Capranica, su cui si affaccia la chiesa di Santa Maria in Aquiro. e si può percorrere la stretta Via della Spada d’Orlando, così detta per una scalfittura netta sull'unica roccia sporgente addossata ad un palazzo, che la leggenda vuole sia stata causata da un fendente dell’eroe.

Da Piazza Capranica si continua per Via degli Orfani per entrare così in un altro negozio storico Stilofetti.
Aperto da Emanuele Fetti nel 1893, oggi si è arrivati alla quarta generazione, ma il negozio è rimasto sempre uguale da allora. Gli articoli da scrittura sono di casa insieme ai servizi da scrittoio in pelle che hanno arredato i più importanti tavoli della politica italiana e delle case dei romani, e le borse da lavoro in pelle per professionisti sia uomini che donne. Da sempre le penne trattate sono esclusivamente quelle di marca classica. Nel negozio si trova anche un ampio settore dedicato esclusivamente ai collezionisti sia di penne antiche, sia di penne a tiratura limitata di produzione odierna oltre ad un attrezzato laboratorio per le riparazioni di penne d’epoca.
Continuando per Via degli Orfani si arriva a Piazza della Rotonda, dominata dal maestoso Pantheon, edificio di Roma antica, costruito come tempio dedicato a tutte le divinità passate, presenti e future. Gli abitanti di Roma lo chiamano amichevolmente la Rotonna, o Ritonna (la Rotonda) da cui anche il nome della piazza antistante. Fu fatto ricostruire dall’imperatore Adriano tra il 118 e il 128 d.C. dopo che gli incendi dell’80 e del 110 d.C. avevano danneggiato la costruzione precedente di età augustea. All'inizio del VII secolo è stato convertito in basilica cristiana, chiamata Santa Maria della Rotonda.

Fiancheggiando a destra l’antico tempio e girando per via di Santa Chiara si arriva a Piazza dei Caprettari in cui si affaccia il negozio storico Antica Cartotecnica.
L’Antica Cartotecnica, ha mantenuto immutato lo stile e la tradizione familiare di un’attività fondata nel 1930 dalla signora Elisa Berti. Il negozio è stato meta dei più famosi appassionati del "bel scrivere”. Oggi è possibile ammirare e acquistare una vasta gamma di prodotti, sia d’epoca che contemporanei. Oltre a una serie di articoli di cancelleria da collezionare, come blocchi notes, quaderni anni ’40, oggetti da scrivania in bachelite, vecchi mappamondi, vi sono borse e porta documenti in cuoio, agende, rubriche, servizi da scrittoio, piccola pelletteria e preziosa carta da lettere. Ampia scelta soprattutto nelle penne. Infine l'Antica Cartotecnica ha creato una linea di prodotti con il proprio marchio offrendo anche un ottimo servizio di assistenza e riparazione.

Da Piazza dei Caprettari si arriva a Piazza Sant’Eustachio, ricordando di visitare la chiesa omonima. In alcuni documenti risalenti al X e XI secolo, la chiesa è detta “in platana”, in riferimento, secondo un’antica tradizione, ad un albero di platano piantato nel giardino della casa del martire Eustachio, su cui l’imperatore Costantino I avrebbe costruito un primo oratorio nel luogo stesso ove il santo avrebbe subito il martirio.

Si continua per Via della Dogana Vecchia fino ad arrivare davanti la chiesa di San Luigi dei Francesi. Al suo interno si possono ammirare tre famosi dipinti del pittore Michelangelo Merisi, detto Il Caravaggio: Il Martirio di San Matteo, San Matteo e l’angelo, La Vocazione di San Matteo. Prima di girare in Via delle Coppelle, in fondo a sinistra, degna di essere visitata è la chiesa di Sant’Agostino nell’omonima piazza. La chiesa venne edificata tra la fine del XIV e gli inizi del XV secolo e ultimata intorno al 1483. Nel suo interno ospita “La Madonna dei Pellegrini”, uno dei più noti lavori del Caravaggio, oltre alle opere di Jacopo Sansovino, del Guercino, e il famoso affresco del “Profeta Isaia” di Raffaello.
Tornando in Via delle Coppelle, dal nome dei venditori dei “cupellari”, piccoli recipienti usati per la conservazione dell’acqua e del vino, si arriva alla piccola ma antichissima Chiesa di San Salvatore alle Coppelle, costruita sotto Celestino III (1191-1198).
Da qui si prosegue fino a raggiungere Piazza della Maddalena, quindi la Chiesa di Santa Maria Maddalena, uno dei rari esempi dell’arte rococò a Roma. Dedicata alla Maddalena del Vangelo, è sorta su una cappella del Trecento. Uno dei maggiori tesori della chiesa è la splendida sacrestia del settecento che conserva in modo quasi integro il mobilio originario, dipinto a finti marmi.

 

Sull’omonima via si trova Feroci.
L’azienda ha iniziato la sua attività nei primi anni del ‘900 come macelleria “Angelo Feroci”, mantenendo il suo arredamento e le sue “insegne” ed “illuminazioni esterne” originali dell’epoca.
Oggi gli “Eredi Nipoti Polzella” continuano a mantenere l’identità dell’impronta antica.

Negozi Storici di Eccellenza di Roma

Associazione Negozi Storici di Eccellenza di Roma
Cod. Fisc. 97534980582
Via dei Prefetti 46, 00186 - Roma -